Business

Come Aprire un CoWorking?

Sempre più persone scelgono di affittare una postazione in un coworking e sempre più persone trovano i co working estremamente comodi, pratici, funzionali: con budget ridotti è possibile avere uno spazio a propria disposizione per lavorare, ma come aprire un coworking? Scopriamolo insieme in quest’articolo.

Si tratta dell’affitto di ScrivanieReti Wi-Fi per qualche settimana, qualche mese o per anni.

Coworking cos’è?

È Google stesso a darci la definizione di coworking (e non co working): si tratta di un metodo lavorativo che prevede l’integrazione di competenze diverse fra liberi professionisti o di un modello lavorativo adottato per lo più da liberi professionisti che usufruiscono di spazi condivisi in cui disporre di postazioni autonome e al tempo stesso di interagire con altre persone.

Perché lavorare in un Coworking?

È un luogo ideale che permette di:

  • Generare nuovi contatti
  • Crearsi uno spazio di lavoro fuori dalle mura domestiche
  • Avere costi ridotti e/o ricevere persone, prospect e clienti

Sono questi i tre punti di forza dei coworking, e, proprio per questo motivo, sempre più persone scelgono di andare a lavorare in un coworking anziché rimanere in casa: se da un lato dunque la richiesta è in continua crescita, dall’altro lato ci sono i margini per fare un business sul coworking.

Come Aprire un Coworking?

La procedura di apertura di un coworking è molto semplice: non sono richiesti requisiti particolari, titoli di studio o altro.

Cosa serve per aprire un coworking?

Tutto quello che serve è:

  • Uno o più locali da adibire/utilizzare come sale per ospitare professionisti e persone interessate ad affittare e condividere uno spazio di lavoro;
  • Mobili da utilizzare per ospitare i professionisti che affitteranno lo spazio (principalmente scrivanie, tavoli, librerie, ripiani, sedie e mensole)
  • Connessione WiFi super veloce e super stabile, in grado di supportare anche diversi accessi (in base al numero di persone che potranno essere ospitate all’interno del coworking)
  • Una sala riunioni (utile ma non indispensabile) da poter affittare per riunioni dei professionisti che usano il coworking
  • Una piccola zona ristoro dotata di frigorifero / zona caffè

Cosa serve a livello fiscale per gestire un coworking?

Abbiamo chiesto a degli specialisti quali sono gli aspetti burocratici di chi apre un coworking e ci è stato spiegaot che basta possedere una partita Iva ed inquadrare l’ambiente come struttura condivisa, quindi redigere dei contratti di locazione per ogni postazione affittata.

Chiaramente gli spazi adibiti a Coworking devono rispettare due regole:

  • La destinazione dei locali, che devono essere adibiti ad uso ufficio
  • Il rispetto delle normali norme di sicurezza (vedi decreto legislativo 81/08)

Per maggiori informazioni è bene chiedere ad uno specialista.

Dove aprire il Coworking?

Solitamente si può scegliere fra il centro cittadino o la periferia, vicino a poli produttivi, è importante che la posizione scelta per aprire il coworking sia facilmente raggiungibile con i mezzi e sia semplice trovare parcheggio.

Inoltre bisogna tenere in considerazione i costi di gestione e di affitto dei locali dove si vuole aprire il coworking.

Speriamo, con quest’articolo, di avere dato una serie di informazioni di base sul mondo dei coworking, se l’articolo ti è stato utile condividilo, se vuoi aggiungere preziose informazioni lascia un commento qui di seguito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close