Piante da Appartamento

Felce – Pianta da Appartamento

Felce – Pianta da Appartamento – Il tuo angolo relax in casa è poco illuminato? Hai voglia di apportare alcuni cambiamenti e hai deciso di inserire delle piante? Non sai ancora qual è la pianta migliore per illuminare la casa e donarle armonia? Sei nel posto giusto, perché voglio parlarti della felce, una pianta che non richiede cure particolari e che si adatta perfettamente agli ambienti interni!

Se anche tu non hai il pollice verde ma hai deciso di prenderti cura di una pianta da appartamento, con la quale desideri donare all’ambiente casalingo un aspetto più luminoso e armonioso, allora, la felce da interno fa al caso tuo.

Infatti, ti ricordo che si tratta di una specie di pianta che non richiede particolari attenzioni, e che può vivere facilmente anche nei luoghi bui. A differenza di altre piante, infatti, la felce non necessita di raggi diretti del sole e di troppo calore, dunque, in inverno dovrebbe restare lontana dai caloriferi, per il resto, con regolari innaffiature e grazie a una pulizia ordinaria, si adatta facilmente all’ambiente interno.

Arredare Casa Con le Piante

Che si caratterizzino da arredi antichi o più moderni, le case sono arredate sempre alla perfezione e contengono al loro interno una ricca quantità di oggetti di design, e per di più, grazie alla buona esposizione di mobili e soprammobili, possiamo donarle un carattere diverso.

Spesso, però, non tutti i tipi di stili riescono a donare armonia all’ambiente, e per tal motivo in molti preferiscono donare all’arredamento un tocco in più, adornando la propria casa con piante da appartamento, vasi dai colori vivaci e più sobri e piante o fiori in grado di dare gioia e armonia.

Ma per quale motivo si rivela essenziale arredare la casa con le piante? Perché oltre a impreziosire l’ambiente, grazie specialmente ai colori vivaci nel caso dei fiori, e grazie alla loro luminosità, nel caso di piante come le felci, è possibile dare armonia all’ambiente e, persino, beneficiare delle proprietà di determinate piante, come l’edera e molte altre.

Per arredare la camera da letto, donarle luce e armonia, è preferibile optare per delle orchidee, che si rivelano persino molto profumate. Inoltre, sono da preferire nel periodo invernale, perché fioriscono proprio durante la stagione fredda.

Le begonie, fiori dall’aspetto elegante e dal profumo delicato, invece, si rivelano la scelta migliore da preferire per donare luce agli ambienti meno ampi, perché con la loro delicata colorazione, riescono a donare equilibrio all’ambiente casalingo.

La felce, invece, è una delle migliori soluzioni da preferire in stanze più buie, perché dona una luce particolare e delicata, ma è perfetta anche per donare un po’ di verde in più all’ambiente in cui viene collocata. Se, però, non necessita di chissà quali attenzioni, dobbiamo conoscere le sue caratteristiche per permetterle di vivere più a lungo.

Pianta Felce Caratteristiche

Per renderle sempre verdi e fiorenti, dunque, dobbiamo conoscere le regole necessarie. Innanzitutto, devi sapere che, trattandosi di una pianta che non necessita di troppa, luce, può essere posizionata in una stanza della casa poco illuminata, riuscendo allo stesso tempo a donare luce all’ambiente e permettere alla pianta di non soffrire.

Inoltre, devi sapere che esistono differenti specie di felce che si possono coltivare in appartamento, e la gran parte di quelle da interno preferiscono zone umide e ombreggiate. A differenza di molte altre specie di piante, inoltre, non si caratterizzano né da foglie né da fiori, riproducendosi a loro volta tramite spore presenti in determinate strutture della pianta stessa.

Quanto alla felce da appartamento, dunque, questa tipologia appartiene alla famiglia delle Adiantum, Asplenium o Nephrolepsis, e si adattano perfettamente alle condizioni di vita dei luoghi interni. Per vivere più a lungo possibile e nel modo migliore, le felci da appartamento non necessitano di molta acqua, infatti, l’innaffiatura non deve essere eccessiva e neanche costante, poiché a lungo andare potrebbe marcire.

Inoltre, grazie alle loro speciali caratteristiche, non necessitano nemmeno di una reale potatura, proprio perché non presentano fiori, ma si rivela necessario eliminare periodicamente le fronde che si seccano, procedendo con il massimo della cautela. Infatti, in questo caso, è opportuno tagliare le fronde direttamente dalla base del terreno.

Ti ricordo, che la felce non necessita di molto calore, se però in casa non hai ampi spazi, e devi obbligatoriamente posizionarla di fianco a un luogo in cui battono i raggi del sole o di fianco a un calorifero, è necessario vaporizzare più spesso le fronde, per evitare che la pianta si secchi.

Felce Pianta da Esterno

Se le felci da appartamento si adattano perfettamente agli ambienti esterni, poiché non tollerano le temperature molto rigide, ma necessitano di una costante umidità, quelle da esterno non provengono dalle zone subtropicali e tropicali, ma crescono spontaneamente nei sotto boschi del Nord America e del Centro-Nord d’Europa.

E, diversamente da quelle d’appartamento, tollerano maggiormente le basse temperature invernali, e si possono facilmente coltivare in giardino, preferendo comunque luoghi più ombreggiati. Tuttavia, l’ambiente esterno in cui le posizioniamo non deve essere riscaldato o troppo chiuso, poiché la pianta deperirebbe immediatamente.

Estremamente eleganti, le felci d’esterno non si ammalano facilmente, tranne se in presenza di limacce, e se ben curate riescono a durare dai 35 ai 100 anni di vita. E’ necessario piantarle o in primavera o in autunno e preferendo un terreno leggero e umido, che sia inoltre ben drenato.

E’ preferibile, inoltre, esporle all’ombra o a mezzombra, evitando i raggi diretti del sole, preferendo luoghi più riparati dalle correnti, poiché caratterizzandosi da fronde fragili, potrebbero distruggersi molto facilmente.

Felce Foglie Secche e Cura della Pianta

Qualsiasi specie di felce da appartamento non necessita di moltissime cure e non dà chissà quali problemi relativi alle cure. Per assicurarle il massimo, è opportuno soltanto soddisfare le poche esigenze di cui necessita.

Quindi, assicurati che in casa ci siano la giusta temperatura e la giusta umidità. Questo è assolutamente necessario, perché la felce non tollera le temperature rigide, e quindi, anche durante la stagione fredda, le temperature non devono essere basse, e non scendere al di sotto dei 15°C.

Anche durante il periodo più caldo, è opportuno che le temperature non siano né troppo basse né troppo alte, preferendo zone in cui ci siano dai 23°C ai 25°C. Evitare di collocare la propria pianta in ambienti interni in cui le temperature siano troppo elevate.

Per curare al meglio la propria felce, è necessario prestare attenzione anche alle zone di luce e ombra della casa. E, in questo particolare caso è opportuno che, nel periodo estivo la felce venga collocata all’interno, in una zona più ombreggiata. E’ possibile spostarla sul balcone, preferendo però posti meno soleggiati.

In casa, invece, ti consiglio di posizionarla lontano dai raggi del sole e dai caloriferi, preferendo luoghi più bui, dove tra l’altro apportano moltissima luce e armonia. Per permetterle una vita più lunga, quindi, ti consiglio di non posizionarla sotto i raggi del sole, perché soffrirebbe e le sue foglie potrebbero addirittura bruciarsi.

Per quanto concerne il contenitore in cui deve essere piantata, ti consiglio di preferire un vaso più alto e un terriccio organico, non troppo leggero e che si caratterizzi da foglie di bosco macinate. Quanto al rinvaso, invece, questo deve essere effettuato dalla fine della stagione fredda a metà primavera, rinvasandola prima della piena ripresa vegetativa.

Infine, ti svelo che puoi stimolare la produzione delle foglie, fertilizzando la pianta con del concime speciale per piante da inverno, preferendo una concimazione non troppo frequente, massimo 3 volte durante la primavera e una sola volta in autunno.

Dunque, per evitare che le foglie si secchino, è opportuno seguire tutti i consigli che ti ho sopraelencato. Se, però, le foglie si sono seccate, allora, puoi continuare ad avere nuova vegetazione, semplicemente recidendo tutte le fronde. In appena 3/4 mesi potrai notare la presenza di nuovi getti.

E’ possibile, pure che le foglie si secchino a causa della temperatura presente in casa. Dunque, ti consiglio di regolare la temperatura in casa e moderare persino l’umidità. Quanto alla temperatura, questa dovrebbe essere di circa 16°C e 20°C.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close